Logo stampa
 
Ravenna Politica
 
 
 
 
Sei in: Homepage » Ravenna » Politica » Più Europa, presentata oggi la candidatura alle Europee di Eugenio Fusignani
» Ravenna - 04/05/2019

Più Europa, presentata oggi la candidatura alle Europee di Eugenio Fusignani

«No alle derive sovraniste di destra e agli eccessi della sinistra populista. Abbiamo bisogno di attenzione nei confronti dei problemi reali della società»

Questa mattina, in Piazza Unità D'Italia, Eugenio Fusignani, Vice sindaco di Ravenna, candidato alle prossime elezioni Europee nelle liste di Più Europa in rappresentanza del PRI insieme all'Avvocato di Padova Alessandra Chiantoni ha incontrato i cittadini in un'affollata presentazione dei principali argomenti che affronterà in campagna elettorale. Presentato per il collegio del Nord Est Italia  da Chiara Francesconi, Capogruppo Pri in Comune di Ravenna, Renato Lelli Segretario regionale PRI e Giulio Cesare Giorgino per la Federazione regionale veneta, Fusignani ha sottolineato anzitutto come l'Italia non possa chiudersi di fronte alla sfida di una nuova Europa che riguarda anche le problematiche locali e "si basa su una storia repubblicana che, negli anni, i principali esponenti del nostro partito hanno sempre portato avanti. Abbiamo bisogno, ha affermato Fusignani, di un'idea equilibrata sugli impegni verso i quali l'Europa può fare molto, affinché L'Italia non si affidi alle derive sovraniste di destra o agli eccessi di una sinistra populista. Ravenna, la Romagna e tutto il nord Italia hanno bisogno di nuove infrastrutture capaci di sostenere sviluppo e occupazione a partire dal nostro porto, dall'agricoltura, dal turismo, dal settore dell'Oil&Gas, cosicché la piccola e grande industria possa competere con gli altri colossi internazionali per non rimanerne soggiogata o vittima di egoismi e rivendicazioni di corto respiro. Per questo, ha concluso Fusignani, la mia candidatura in Più Europa vede i Repubblicani in prima fila in questa sfida, con la collega Alessandra Chiantoni, in una coalizione dove insieme a noi sono protagonisti anche Radicali, Italia in Comune, Socialisti e Liberali".