Logo stampa
 
Bassa Romagna Cronaca
 
 
 
 
Sei in: Homepage » Bassa Romagna » Cronaca » Maria Cecilia Hospital: la TAC Coronarica, test innovativo per la prevenzione del rischio cardiovascolare
» Cotignola - 10/12/2018

Maria Cecilia Hospital: la TAC Coronarica, test innovativo per la prevenzione del rischio cardiovascolare

Informazione Promo

Le patologie del sistema cardiocircolatorio spesso sono silenti, possono comparire anche se non manifestiamo alcun sintomo specifico, quando siamo in apparente buono stato di salute e siamo in grado di svolgere tutte le normali attività quotidiane della nostra vita lavorativa e sociale.

La malattia cardiovascolare è una patologia complessa che può manifestarsi sotto diverse forme come ad esempio aterosclerosi, variazione dell'attività elettrica del cuore, dilatazione dei vasi e in differenti distretti dell'apparato cardiocircolatorio, a partire dalle carotidi, passando per il cuore e le coronarie, fino all'aorta addominale. Le sue manifestazioni, i cosiddetti eventi cardiaci improvvisi come l'infarto o l'ictus, sono la prima causa di morte nel mondo e anche in caso di sopravvivenza provocano spesso comunque conseguenze molto gravi diventando fortemente invalidanti per tutta la vita. Per tale ragione è fondamentale eseguire una valutazione dell'apparato cardiocircolatorio nel suo insieme.

Maria Cecilia Hospital di Cotignola (RA) - ospedale GVM Care & Research di Alta Specialità accreditato SSN è da sempre punto di riferimento per la prevenzione, la diagnosi e la cura delle patologie cardiovascolari. La presenza di un'équipe altamente specializzata e strumenti diagnostici all'avanguardia, permettono al paziente di eseguire un accurato studio di tutti i distretti dell'apparato cardiocircolatorio con un intero percorso che parte dagli esami clinico-strumentali preliminari fino ad arrivare alla diagnostica avanzata della TAC coronarica.

Gli esami diagnostici di inquadramento cardiovascolare sono consigliati in generale per effettuare un controllo preventivo del proprio stato di salute cardiovascolare. Elettrocardiogramma, ecodoppler, coronarografia sono in grado ad esempio di studiare con estrema accuratezza lo stato di delle carotidi, dell'aorta addominale e del cuore nel suo insieme.

LA TAC PER LO STUDIO DELLE CORONARIE

Le coronarie circondano il cuore e lo alimentano consentendone il normale funzionamento. Per poter compiere il loro compito è necessario che queste vengano mantenute libere da placche, in quanto ogni ostruzione presente può essere causa di patologie molto gravi. Tanto le coronarie quanto gli altri distretti dell'apparato cardiocircolatorio possono essere compromessi per la presenza di ostruzioni. E' importante evidenziare che anche il calcio, oltre al colesterolo, può depositarsi nelle coronarie aumentando il rischio di sviluppare patologie cardiache.

La TAC coronarica è un esame diagnostico molto rapido e per nulla invasivo in quanto non necessita di alcun mezzo di contrasto durante l'esecuzione: rintraccia e quantifica proprio la presenza di calcificazioni nelle coronarie. È consigliata soprattutto a chi ha avuto precedenti episodi o problematiche cardiovascolari, a quanti hanno familiarità di infarti o ictus o che hanno fattori di rischio quali fumo, diabete, ipertensione e in ogni situazione in cui sia consigliato effettuare un esame mirato alle coronarie.

L'esito dell'esame chiamato Calcium Score Index è altamente attendibile tanto che si tratta di uno dei valori più affidabili per valutare se sussiste o meno ad esempio il rischio di infarto del miocardio. Nelle arterie sane non sono presenti calcificazioni che in genere aumentano con l'età. Mentre in quelle compromesse è più probabile riscontrare accumuli che stanno ad indicare la sussistenza di patologia coronarica. Non solo. In base al tipo di calcificazioni si può risalire alla entità della placca aterosclerotica, potenziale responsabile di eventi acuti, come ictus e infarti.

A seconda dei risultati, la valutazione del calcio coronarico permette allo specialista di indicare i successivi step diagnostici o eventuali trattamenti farmacologici o chirurgici più adatti per il paziente.

Direttore Sanitario Dott.ssa Silvia Rapuano

Aut. San Prot. N 10362 DEL 18/03/2014

Fascicolo Unione 2011/X 15/2