Logo stampa
 
Ravenna Politica
 
 
 
 
Sei in: Homepage » Ravenna » Politica » Badante arrestata per maltrattamenti sugli anziani, i complimenti del sindaco alle forze dell'ordine
» Ravenna - 14/09/2018

Badante arrestata per maltrattamenti sugli anziani, i complimenti del sindaco alle forze dell'ordine

«Invito tutti i cittadini, qualora si trovino davanti a situazioni poco chiare, anche minimamente sospette, a rivolgersi alle autorità competenti»

"Voglio complimentarmi con la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ravenna e con la Polizia municipale per l'operazione che ha permesso di ottenere l'ordinanza di custodia cautelare in carcere di una badante con l'accusa di maltrattamenti verso gli anziani ospiti di una casa famiglia. Alle forze dell'ordine va il mio vivo ringraziamento per il lavoro svolto con grande perizia e professionalità.

Un secondo importante ringraziamento va al cittadino che ha segnalato la situazione sospetta dando il via di fatto – naturalmente solo a seguito delle dovute preventive verifiche da parte della PM – all'inizio delle indagini. Colgo dunque l'occasione per invitare tutti i cittadini, qualora si trovino davanti a situazioni poco chiare, anche minimamente sospette, a rivolgersi alle autorità competenti.

Nella giornata di oggi ho già convocato un incontro con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali per fare il punto sulla vicenda e informarli sul lavoro che stiamo facendo. 

È nostra intenzione ampliare ulteriormente, per quanto consentito, le competenze della polizia municipale in materia di tutela della salute e sanità, in modo tale da poter dedicare personale specializzato al compimento degli specifici controlli.

Il tema è molto serio e la condotta della donna gravissima; come mi è già capitato di dire in una precedente circostanza, è necessario intensificare i controlli, perché al di là degli aspetti regolamentari, qui ci troviamo davanti ad una violazione del codice penale.

Rinnovo inoltre alla Regione Emilia-Romagna la richiesta per un intervento di tipo legislativo perché questo settore non è sufficientemente normato".