Logo stampa
 
Faentino Cronaca
 
 
 
 
Sei in: Homepage » Faentino » Cronaca » Vantaggi economici in cambio della cittadinanza, sventato un matrimonio fasullo fra un quarantunenne napoletano e una ventenne marocchina
» Faenza - 11/08/2018

Vantaggi economici in cambio della cittadinanza, sventato un matrimonio fasullo fra un quarantunenne napoletano e una ventenne marocchina

L'uomo, che vive a Faenza con un'altra donna, aveva già contratto un matrimonio con una cinese, poi sciolto

La Polizia di Stato comunica di avere denunciato T.M. 41enne napoletano residente a Faenza, per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina in concorso con E.J.A. e H.S. madre e figlia originarie del Marocco.

Qualche tempo il Commissariato di Faenza ha appreso che un uomo italiano, residente a Faenza, aveva chiesto di sposarsi con una cittadina marocchina ma lo stesso, poco tempo prima, aveva presentato le pratiche per sposarsi con un'altra persona, anche se poi il matrimonio non era andato in porto.

A seguito di questa segnalazione nell'immediatezza personale dell'Ufficio Anticrimine del Commissariato di Faenza ha acquisito presso gli uffici comunali le informazioni utili ad identificare l'uomo -che aveva presentato le pratiche- e la sua futura sposa, una ragazza marocchina di vent'anni, provvista del nulla osta delle Autorità Marocchine al fine di poter celebrare il matrimonio, fissato per il giorno 16 luglio 2018  presso il Municipio di Faenza, per il quale erano già state affisse le previste pubblicazioni.  Da successivi accertamenti effettuati emergeva che l'italiano, T.M., classe 1977 originario di Napoli, risultava risiedere a Faenza unitamente a una donna italiana; emergeva inoltre che lo stesso aveva registrato qualche anno prima presso il Comune di Napoli un matrimonio contratto con una cittadina di origine cinese, poi sciolto alcuni mesi dopo.  Da ulteriori approfondimenti investigativi sono poi emersi a carico di T.M. numerosi precedenti di Polizia, tra cui favoreggiamento all'immigrazione clandestina commessa in concorso con altre persone, furto, sequestro di persona, false dichiarazioni a Pubblico Ufficiale, lesioni personali e altro.  I poliziotti accertavano inoltre l'identità della persona con la quale all'inizio dell'anno aveva deciso di convolare a nozze, fatto che poi non si concretizzò.

Dopo una solerte ed efficace attività investigativa, i poliziotti del Commissariato di Faenza sono riusciti ad identificare i protagonisti di questo tentato matrimonio combinato, tra i quali anche la madre della ragazza, una cittadina marocchina residente a Brisighella, regolare sul territorio nazionale, che aveva ben pensato di "regolarizzare" la figlia attraverso questo "escamotage".

T.M., più volte sentito dai poliziotti, alla fine ha deciso di "confessare" e ha raccontato che, per problemi economici, si era indotto a percorrere la strada del "matrimonio combinato" ricavandone in cambio notevoli benefici economici da parte dei famigliari della ragazza.

La "sposa", ragazza marocchina che non parla la lingua italiana e si trova in Italia già dallo scorso marzo, quindi in condizioni di irregolarità, è stata indagata poiché irregolare sul territorio nazionale; una volta che gli investigatori hanno appurato la dinamica del tentativo di matrimonio combinato con vantaggio economico per lo sposo e conseguente "vantaggio" per la sposa di regolarizzarsi subito sul territorio nazionale, anche T.M, la "sposa" H.S. e la madre si lei, E.J.A. sono stati denunciarti a piede libero per il reato di tentato favoreggiamento alla permanenza nel Territorio Nazionale di straniero irregolare. Sono tutt'ora in corso ulteriori approfondimenti investigativi al fine di accertare il coinvolgimento di altre persone che avrebbero avuto un ruolo attivo nel favorire questo falso matrimonio.