Logo stampa
 
Ravenna Politica
 
 
 
 
Sei in: Homepage » Ravenna » Politica » «Piscina comunale: il project financing è l'unica soluzione percorribile»
» Ravenna - 14/06/2018

«Piscina comunale: il project financing è l'unica soluzione percorribile»

Veronica Verlicchi (La Pigna) polemizza con la Giunta: «La giunta non ha previsto la destinazione di risorse da destinare ai lavori urgenti per la piscina. Abbiamo avuto 15 anni per elaborare un percorso di riqualificazione della struttura e non è stato fatto niente»

Sono passati oltre 2 mesi da quando abbiamo presentato all'assessore allo Sport, Roberto Fagnani, la nostra proposta volta a garantire la continuità delle attività della piscina comunale di Ravenna.

La gestione della piscina comunale, in vigore da ben 15 anni, scade il 31 dicembre 2018 e l'impianto natatorio necessita di interventi di manutenzione straordinaria che, se non eseguiti, rischiano seriamente di comprometterne l' utilizzo. 

Incredibilmente la Giunta Comunale non ha previsto alcuna risorsa economica nel bilancio 2018, così pure nel piano degli investimenti 2018-2021, da destinare ai lavori urgenti per la piscina. Dello stato di decadenza della piscina comunale, oltre alla nostra lista civica, hanno più volte avuto occasione di manifestare la propria insoddisfazione moltissimi utenti nonché le società sportive che organizzano corsi di nuoto e gare.  

Abbiamo avuto a disposizione 15 anni per elaborare e attuare un progetto di riqualificazione della piscina: ma tutte le amministrazioni che si sono susseguite non hanno cercato di risolvere questo problema. Con il risultato che ci riduciamo, a meno di 6 mesi dalla scadenza del contratto di gestione, a non sapere ancora cosa fare. 

Questo colpevole ritardo, forse voluto, comporterà, con tutta probabilità,  una proroga all'attuale gestore. Noi siamo fermamente contrari a questa ipotesi  e chiediamo al Sindaco e all'Assessore di accelerare le decisioni sulla piscina comunale, invece di perder tempo ad occuparsi di antifascismo e di flash mob.

Questioni che riguardano l'attività del loro Partito e non certamente quella del Comune. Aggiungiamo che qualora fosse ormai impossibile addivenire all'individuazione di un nuovo gestore entro fine anno, la gestione dovrà essere svolta direttamente dal Comune, per il periodo necessario. 

Questo anche per evitare i numerosi disservizi che attanagliano la piscina ed i suoi fruitori da troppo tempo. 

Giovedì 14 giugno, si riunirà la commissione consiliare Sport per discutere della nostra proposta di "project financing" - da mettere a bando con urgenza - e speriamo che sia occasione per ottenere risposte precise e non le solite chiacchiere.