Logo stampa
 
Faentino Cronaca
 
 
 
 
Sei in: Homepage » Faentino » Cronaca » Rapina aggravata e continuata, arrestata prostituta
» Faenza - 17/05/2018

Rapina aggravata e continuata, arrestata prostituta

La donna, cittadina romena, aveva condotto i suoi occasionali clienti all’interno di un appartamento dove, poco dopo, sopraggiungevano i suoi complici che rapinavano i clienti di danaro, carte di credito e orologi

La Polizia di Stato notte di martedì ha arrestato E.A. 25enne cittadina romena, anagraficamente residente a Ravenna, di fatto senza fissa dimora perché colpita da ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di rapina aggrava, continuata, in concorso.  Alle 22 di martedì sera personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Faenza  ha appreso della presenza, all'interno di una struttura ricettiva di Faenza, della cittadina romena E.A. di anni 25 colpita da Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere. 

Gli Agenti si sono recati quindi presso la struttura alberghiera dove rintracciavano la donna che è stata accompagnata negli uffici del Commissariato.

Dai successivi accertamenti emergeva che la donna era ricercata perchè colpita da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Treviso in quanto ritenuta responsabile del reato di rapina aggravata in concorso con altri due stranieri ed altro, commessi nella provincia di Treviso nel mese di marzo di quest'anno.

In particolare la donna, dedita alla prostituzione, aveva condotto i suoi occasionali clienti all'interno di un appartamento dove, poco dopo, sopraggiungevano i suoi complici che rapinavano i clienti di danaro, carte di credito e orologi.

E.A. era già nota agli investigatori del Commissariato di Faenza perché nell'anno 2015 era stata denunciata per il reato di lesioni, in concorso, ai danni di una prostituta albanese che era stata aggredita da altre sue colleghe.

Successivamente il Sig. Questore di Ravenna aveva emesso nei suoi confronti un divieto di dimora nel Comune di Faenza e Castelbolognese.  E.A. è stata condotta alla Sezione Femminile della Casa Circondariale di Forlì a disposizione del gip presso il Tribunale di Treviso.