Logo stampa
 
Ravenna Cronaca
 
 
 
 
Sei in: Homepage » Ravenna » Cronaca » Ravenna. In preda ai fumi dell'alcol picchia la fidanzata e resiste ai poliziotti, denunciato un uomo
» Ravenna - 28/07/2017

Ravenna. In preda ai fumi dell'alcol picchia la fidanzata e resiste ai poliziotti, denunciato un uomo

Catanese residente a Medicina, in provincia di Bologna, Ŕ statoánotato da diversi testimoni mentre nella notte fra sabato e domenica, a Punta Marina Terme,ádiscuteva animatamente con la compagna, colpendola violentemente durante la lite. La donna Ŕ stata condotta in ospedale e dichiarata guaribile in 24 giorni.

La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertÓ A.D. catanese di 31 anni, residente a Medicina (Bologna) per resistenza a pubblico ufficiale eálesioni personali.
Nella notte fra sabato e domenica scorsi gli equipaggi della Sezione Volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Ravenna sono intervenuti a Punta Marina Terme dove era stata segnalata al Numero Unico di Emergenza una violenta lite fra un uomo ed una donna.
Gli agenti avevano modo di accertare che la donna -che presentava evidenti ferite al volto- era giÓ stata soccorsa da personale sanitario del 118 e trasportata al Pronto Soccorso dell'Ospedale, riuscendo a bloccare e identificare l'uomo che, visibilmente alterato a causa dell'assunzione di bevande alcooliche, si stava allontanando dopo la lite.
Sentite le testimonianze i poliziotti apprendevano che il diverbio era scaturito per una banale discussione a causa della quale l'uomo, sentitosi ferito nell'onore, passava a vie di fatto nei confronti della fidanzata, colpendola ripetutamente.
Dopo l'identificazione e la contravvenzione per ubriachezza gli agenti della Polizia, verificato che A.D. non avrebbe condotto autoveicoli perchÚ ne era sprovvisto, raggiungevano l'Ospedale per accertarsi delle condizioni di salute della compagna dell'uomo.
Mentre gli operatori delle Volanti stavano raccogliendo le informazioni del caso dal Medico di Turno del Pronto Soccorso, sopraggiungeva un taxi da cui scendeva A.D., sempre pi¨ alterato, intenzionato a voler accedere all'interno della struttura per vedere la sua convivente.
á
Considerato che a nulla valevano i tentativi esperiti dagli agenti della Polizia per ricondurre l'uomo alla calma e che la donna era stata giudicata guaribile con 24 giorni di prognosi, l'uomo veniva condotto in Questura dove veniva denunciato in stato di libertÓ per lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.